up1.jpg (24191 byte)
sito italiano non ufficiale  

d



 

I TESTI DELLE CANZONI DI MÉXICO EN LA PIEL EDICIÓN DIAMANTE IN ITALIANO

diamante.jpg (7030 byte)

El Viajero
Entrega Total
Echame A Mi La Culpa
México En La Piel
Cruz De Olvido
De Que Manera
Luz De Luna
Motivos
Cielo Rojo
Paloma Querida
Que Seas Feliz
Un Mundo Raro
Sabes Una Cosa
Por un amor
Mi ciudad

SPAGNOLO ITALIANO
a
El viajero*
Música y letra de Roberto Sierra
Yo soy ese viajero
que va por el camino
por brechas y veredas
buscando su destino.
Escucho alegres trinos
de ave alborera
amor de fresca brisa
de tierra morena
Miro en las espigas
dorados sus trigales
como las que se mecen
muy verdes sus maizales
Y serpentean las bardas**
de piedras quebradas
casitas con arcones
de adobe blanqueadas
La Virgen del cerrito ***
que alivia nuestro males
todas sus bendiciones
milagros y bondades
Con fe los mexicanos
le brindan su canto
y todos la visitan
el día de su santo
México, México
te llevo en el corazón
con la alegría del mariachi
me brota la inspiración
México, México
de bronce tu corazón
no hay como sones jarachos ****
cantados de emoción
Piletas como espejos
y tibias sus lagunas
Se peinan con el viento
De encaje las espumas
De piedra malcajetes
Volcanes nevados
El Popo El lztlacihuatl *****
Amantes postrados
Me quedo en este suelo
Tan lindo y tan sereno
Donde he encontrado
Cantos caricias y consuelo
Por tantas cosas bellas
Me quedo en tu seno
Gozando tus pregones
Te canta el viajero
México, México
te llevo en el corazón
con la alegría del mariachi
me brota la inspiración
México, México
de bronce tu corazón
no hay como sones jarachos
cantados de emoción
México, México
te llevo en el corazón

a
* Il viaggiatore
musica e parole di Roberto Sierra
Io sono quel viaggiatore
che va per il cammino
attraverso brecce e sentieri,
cercando il suo destino
Ascolto l'allegro cinguettio
dell'uccello sugli alberi
Il mormorio di fresche brezze
della terra bruna.
E guardo nelle spighe
i suoi dorati campi di grano
Come quelle che si cullano
nelle verdeggianti piantagioni di mais
E serpenteggiano i muri**
di pietre crepate
Casette con archi
di mattoni imbiancati.
La Vergine della collina***,
che allevia i nostri mali
con le sue benedizioni
miracoli e bontà.
Con fede i messicani,
le offrono il loro canto
E tutti la visitano
nel suo giorno di festa.
Messico! Messico!
ti porto nel mio cuore!
Con l'allegria del mariachi,
mi nasce l'ispirazione.
Messico! Messico!
di bronzo è il tuo cuore!
Non c'è niente come i suoni "jaracho"
cantati con emozione.
Fontane come specchi,
tiepide le sue lagune
Si pettinano con il vento
le schiume di pizzo.
Di pietre di mortaio
sono i vulcani innevati
Il Popo e l'Ixtacihuatl *****,
amanti distesi.
Rimango su questo suolo
così bello e sereno
Perchè ho incontrato
canti, carezze e consolazione.
Per tante cose belle
rimango nel tuo seno
Godendo delle tue bellezze
ti canta il viaggiatore
Messico! Messico!
ti porto nel mio cuore!
Con l'allegria del mariachi,
mi nasce l'ispirazione.
Messico! Messico!
di bronzo è il tuo cuore!
Non c'è niente come i suoni "jarocho"
cantati con emozione.
Messico! Messico!
ti porto nel mio cuore
* El viajero descrive alcuni dei luoghi e delle tradizioni più cari al popolo messicano, molte parole sono intraducibili proprio per questo. Qui di seguito trovate il significato di alcune di queste (grazie a Eva Delma Rocha Pérez).
** le bardas sono i muri di pietra, tipicamente messicani, che separano i campi e le proprietà
*** la Virgen del cerrito è la Madonna di Guadalupe, patrona del Messico, a cui è dedicato il più grande e venerato santuario dell'America Latina.
**** i suoni jarachos sono tipici della musica popolare messicana
***** El Popo ed El lztlacihuatl sono due vulcani del Messico centrale: la leggenda vuole che siano i corpi addormentati di una principessa azteca e del suo amante che, tornato da epiche imprese per sposarla, l'ha trovata morta e, addolorato, l'ha portata via con sé, fino ad addormentarsi nella valle di Città del Messico.

Torna su
a

Entrega total
M y L de Abelardo Pulido
Esta vez, ya no soporto
la terrible soledad
yo no te pongo condición
harás conmigo
lo que quieras bien o mal
Llévame de ser posible
hasta la misma eternidad
donde perdure nuestro amor
porque tú eres toda mi felicidad
Llévame si quieres
hasta el fondo del dolor
hazlo como quieras
por maldad o por amor
Pero esta vez quiero
entregarme a ti en una forma total
no con un beso nada más
quiero ser tuyo
sea por bien o sea por mal
Llévame si quieres
hasta el fondo del dolor
hazlo como quieras
por maldad o por amor
Pero esta vez quiero
entregarme a ti en una forma total
no con un beso nada más
quiero ser tuyo
sea por bien o sea por mal

a
Dedizione totale
musica e parole di Abelardo Pulido
Questa volta, non sopporto più
la terribile solitudine
Mon ti pongo condizioni
fa' di me quello che vuoi
nel bene o nel male
Portami per quanto possibile
fino alla stessa eternità
Dove vive il nostro amore
Perché tu sei tutta la mia felicità
Portami se vuoi
fino in fondo al dolore
fallo come vuoi
per cattiveria o per amore
Però questa volta voglio
abbandonarmi a te totalmente
Non con un bacio e basta
Voglio essere tuo
nel bene e nel male
Portami se vuoi
fino in fondo al dolore
Fallo come vuoi
per cattiveria o per amore
Però questa volta voglio
abbandonarmi a te totalmente
Non con un bacio e basta
Voglio essere tuo
nel bene e nel male

Torna su
a

Échame a mi la culpa
J.A. Espinoza
Sabes mejor que nadie que me fallaste
que lo que prometiste se te olvidó
sabes a ciencia cierta que me engañaste
aunque nadie te amara igual que yo
Lleno estoy de razones pa' despreciarte
y sin embrago quiero que seas feliz
Que allá en el otro mundo
en vez de infierno encuentre gloria
y que una nube de tu memoria
me borre a mí
Dile al que pregunte que no te quise
dile que te engañaba que fui lo peor
Échame a mi la culpa de lo que pase
cúbrete tú la espalda con mi dolor
Que allá en el otro mundo
en vez de infierno encuentre gloria
y que una nube de tu memoria
me borre a mí
Dile al que pregunte que no te quise
dile que te engañaba que fui lo peor
Échame a mi la culpa de lo que pase
cúbrete tú la espalda con mi dolor
a
Dammi la colpa
di J.A. Espinoza
Sai meglio di tutti di aver mancato
di aver dimenticato quello che hai promesso
sai senza dubbio di avermi tradito
anche se nessuno ti amerà come me
Ho molte ragioni per disprezzarti
e invece voglio che tu sia felice
Che là, nell'altro mondo
invece dell'inferno trovi la gloria
e che una nube della tua memoria
mi cancelli
Di' a chi ti chiederà che non ti ho amato
digli che ti tradivo e che fui dei peggiori
Dàmmi la colpa di quello che succede
copriti le spalle col mio dolore
Che là, nell'altro mondo
invece dell'inferno trovi la gloria
e che una nube della tua memoria
mi cancelli
Di' a chi ti chiederà che non ti ho amato
digli che ti tradivo e che fui dei peggiori
Dàmmi la colpa di quello che succede
copriti le spalle col mio dolore

Torna su
a

México en la piel *
de Josemanuel Fernández
Como una mirada hecha en Sonora
vestida con el mar de Cozumel,
con el color del sol por todo el cuerpo,
así se lleva México en la piel,
como el buen tequila de esta tierra
o como un amigo en Yucatán
y en Aguascalientes deshilados
o lana tejida en Teotitlán.
(coro) Así se siente México,
así se siente México,
así como unos labios por la piel,
así te envuelve México,
así te sabe México,
así se lleva México en la piel.
Como ver la sierra de Chihuahua
o la artesanía en San Miguel,
remontar el cerro de la silla,
así se lleva México en la piel,
como acompañarse con mariachi
para hacer llorar a esa canción
que en el sur se toca con marimba**
y en el norte con el acordeón.
(coro) Así se siente México,
así se siente México,
así como unos labios por la piel,
así te envuelve México,
así te sabe México,
así se lleva México en la piel.
Como un buen sarape *** de Saltillo,
como bienvenida en Veracruz,
con la emoción de un beso frente a frente,
así se lleva México en la piel,
como contemplar el mar Caribe
Descubrir un bello amanecer
Tener la fresca brisa de Morelia
La luna acariciando a una mujer.
Así se siente México,
así se siente México,
así como unos labios por la piel,
así te envuelve México,
así te sabe México,
así se lleva México en la piel.

a
* Messico nella pelle
de Josemanuel Fernández
Come uno sguardo dato a Sonora
Vestito del mare di Cozumel
Con il colore del sole su tutto il corpo
Così si porta il Messico nella pelle
Come la buona tequila di questa terra
O come un amico nello Yucatan
E nei pizzi di Aguascalientes
O lana tessuta a Teotitlán
(coro) Così si sente il Messico,
così si sente il Messico
Così come delle labbra sulla pelle
Così ti avvolge il Messico,
così assapori il Messico
Così si porta il Messico nella pelle
Come vedere la sierra di Chihuahua
o l’artigianato a San Miguel
Come risalire le colline
Così si porta il Messico nella pelle
Come farsi accompagnare dai Mariachi
Per far piangere questa canzone
Che nel sud si suona con marimba**
E al nord con la fisarmonica
(coro) Così si sente il Messico,
così si sente il Messico
Così come delle labbra sulla pelle
Così ti avvolge il Messico,
così assapori il Messico
Così si porta il Messico nella pelle
Come un buon poncho*** di Saltillo
come un benvenuto a Veracruz
con l'emozione di un bacio fronte a fronte
così si porta il Messico nella pelle
Come contemplare il mar dei Caraibi
scoprire un'alba preziosa
sentire la brezza fresca di Morelia
o la luna che accarezza una donna
Così si sente il Messico
così si sente il Messico
così come le labbra sulla pelle
così di avvolge il Messico
così ti sa il Messico
così si porta il Messico nella pelle
* Anche Mexico en la piel contiene molte parole intraducibili, legate alle tradizioni e alla cultura messicane. Qui di seguito trovate il significato di alcune di queste (grazie a Ivonne Garcia).
** il marimba è uno xilofono con le lamine di vetro incece che di legno
*** il sarape è un poncho di lana a righe con colori vivacissimi
**** il rebozo è una mantella incrociata in cui molte donne portano i figli.
Torna su
a
Cruz de olvido
de Juan Zaizar
Con el atardecer
Me iré de tí
Me iré sin tí
Me alejare de tí
Con un dolor
Dentro de mí
Te juro corazón
Que no es falta de amor,
Pero es mejor así
Un día comprenderás
Que lo hice por tu bien
Que todo fue por tí.
La barca en que me iré
Lleva una cruz de olvido;
Lleva una cruz de amor
Y en esa cruz sin tí
Me moriré de hastío.
Culpable no he de ser
De que por mí puedas llorar,
Mejor sera partir
Prefiero así que hacerte mal.
Yo sé que sufriré
Mi nave cruzará un mar
de soledad,
Adiós, adiós mi amor
Recuerda que te amé
Que siempre te he de amar.

a
La croce dell'oblio
di Juan Zaizar
All’imbrunire
Me ne andrò da te
Me ne andrò senza di te
Mi allontanerò da te
Con un dolore
Dentro di me
Ti giuro tesoro
Che non è mancanza di amore
Però è meglio così
Un giorno capirai
Che l’ho fatto per il tuo bene
Che fu tutto per te
La nave su cui me ne andrò
Porta la croce dell’oblio
Porte la croce dell’amore
E sulla croce senza di te
Morirò di tristezza
Non mi devo sentire colpevole
Che a causa mia tu possa piangere
Sarà meglio partire
Preferisco così che farti del male
So che soffrirò
La mia nave attraverserà un mare
di solitudine
Addio, addio amore mio
Ricordati che ti ho amato
Che ti amerò sempre

Torna su
a

De qué manera te olvido
F. Méndez
Verás que no he cambiado,
estoy enamorado, tal vez igual que ayer
quizás te contaron que a solas me miraron
llorando tu querer.
Y no me da vergüenza,
y aún con la experiencia
que la vida me dio
a tu amor yo me aferro,
y aunque no te tengo
no te puedo olvidar
De qué manera te olvido
de qué manera yo entierro
este cariño maldito
qu a diario tormenta mi corazón
De qué manera te olvido
si te miro en cualquier gente
y tú no quieres ni verme
porque te conviene
callar nuestro amor

a
In che modo ti dimentico
di F. Mendez
Vedrai che non sono cambiato
che sono innamorato forse come ieri
forse ti hanno detto di avermi visto solo
piangendo il tuo amore
E non ne ho vergogna
anche con l'esperienza
che la vita mi ha dato
al tuo amore mi afferro
e anche se non ti ho più
non ti posso dimenticare
In che modo posso dimenticarti
in che modo seppellisco
questo amore maledetto
che tormenta tutti i giorni il mio cuore
in che modo posso dimenticarti
se ti vedo in chiunque
e tu non vuoi neanche vedermi
perché ti conviene
tacere del nostro amore

Torna su
a

Luz de la luna
de Alvaro Carrillo
Yo quiero luz de luna
para mi noche triste
Para sentir divina ilusión
que me trajiste,
Para sentirte mía, mía
tú como ninguna;
Pues desde que te fuiste
no he tenido luz de luna.
Yo siento tus amarras
como garfios, como garras
Que me ahogan
en la playa de la farra y el dolor.
Y llevo tus cadenas a rastras
en la noche callada,
Que sea plenilunada,
azul como ninguna;
Pues desde que te fuiste
no he tenido luz de luna.
Si ya no vuelves nunca
provincianita mía
A mi celda querida
que está triste y está fría;
Que al menos tu recuerdo
ponga luz sobre mi bruma,
Pues desde que te fuiste
no he tenido luz de luna.
Pues desde que te fuiste
no he tenido luz de luna.

a
Luce della luna
di Alvaro Carrillo
Voglio la luce della luna
per la mia notte triste
Per sentire la divina illusione
che mi hai portato
Per sentirti mia, mia
tu come nessuna
Perché da quando te ne sei andata
non ho più avuto la luce della luna
Sento i tuoi ormeggi
come ganci, come artigli
Che mi soffocano
sulla spiaggia della tristezza
e del dolore
e mi porto addosso le tue catene
nella notte silenziosa
che sia di luna piena
azzura come mai;
perché da quando te ne sei andata
non ho più avuto la luce della luna
Se non torni più
Mia piccola provinciale
Al mio caro cantuccio
che è triste e freddo
Che almeno il tuo ricordo
porti luce sopra la mia nebbia
Perché da quando te ne sei andata
non ho più avuto la luce della luna
Perché da quando te ne sei andata
non ho più avuto la luce della luna

Torna su
a

Motivos
de Vicente Fernández
De rosa
Pintada de azul
Es un motivo,
Una simple estrellita de mar
Es un motivo,
Escribir un poema es fácil
si existe un motivo
Y hasta puede esperarse
un consuelo de la fantasía
Unos ojos
Bañados de luz
Son un motivo
Unos labios queriendo besar
Son un motivo
Y me quedo mirándote aquí
Y encontrándote tantos motivos
Yo concluyo,
que mi motivo mejor eres tú
Unos ojos bañados de luz
Son un motivo
Unos labios queriendo besar
Son un motivo
Y me quedo mirándote aquí
Y encontrándote tantos motivos
Yo concluyo,
que mi motivo mejor eres tú.
a
Motivi
di Vicente Fernández
Di rosa
Dipinta di azzurro
È un motivo
Una semplice stellina di mare
È un motivo,
scrivere una poesia è facile
se esiste un motivo
e si può persino sperare
nella consolazione della fantasia
Degli occhi
Bagnati di luce
Sono un motivo
Delle labbra che vogliono baciare
Sono un motivo
E resto qui a guardarti
E incontrando in te tanti motivi
io concludo,
che il mio motivo migliore sei tu
Degli occhi bagnati di luce
Sono un motivo
Delle labbra che vogliono baciare
Sono un motivo
E resto qui a guardarti
E incontrando in te tanti motivi
io concludo,
che il mio motivo migliore sei tu
Torna su
a
Cielo rojo
de Juan Zaizar
Sólo sin tu cariño
Voy caminando, voy caminando,
Y no sé que hacer
Ni el cielo me contesta,
Cuando pregunto por tí, mujer.
No he podido olvidarte
Desde la noche, desde la noche
En que te perdí
Sombras de duda y celos
Sólo me envuelven pensando en tí.
Deja que yo te busque
Y si te encuentro, y si te encuentro,
Vuelve otra vez.
Olvida lo pasado
Ya no te acuerdes de aquel ayer.
Olvida lo pasado
Ya no te acuerdes de aquel ayer.
Mientras yo estoy dormido
Sueño que vamos los dos muy juntos
A un cielo azul.
Pero cuando despierto
El cielo es rojo, me faltas tú.
Aunque yo sea culpable
De aquella triste,
de aquella triste separación.
Vuelve por Dios tus ojos,
Vuelve a quererme,
vuelve mi amor.
Deja que yo te busque...

a
Cielo rosso
di Juan Zaizar
Solo, senza il tuo affetto
Cammino, cammino
E non so che fare
Né il cielo mi risponde
Quando chiedo di te, donna
Non sono riuscito a dimenticarti
Dalla notte, dalla notte
In cui ti ho perduto
Ombre di dubbio e gelosie
mi avvolgono mentre penso a te
Lascia che io ti cerchi
E se ti incontro, e se ti incontro
Torna di nuovo
Dimentica il passato
Non più pensare più a ieri
Dimentica il passato
Non più pensare più a ieri
Mentro dormo
Sogno che ce ne andiamo insieme
Verso un cielo azzurro
Però quando mi sveglio
Il cielo è rosso, e tu non ci sei
Anche se io sono colpevole
Di quella triste,
di quella triste separazione
Riportami per Dio i tuoi occhi
Torna ad amarmi,
torna amore mio
Lascia che ti cerchi...

Torna su
a

Paloma querida
de José Alfredo Jiménez
Por el día que llegaste a mi vida
paloma querida me puse a brindar
y al sentirme un poquito tomado
pensando en tus labios
me dio por cantar
me senti superior a cualquiera
y un puño de estrellas te quise bajar
pero al ver que ninguna alcanzaba
me dio tanta rabia que quise llorar
yo no sé lo que valga mi vida
pero yo te la quiero entregar
yo no sé si tu amor la reciba
pero yo te la vengo a dejar
me encontraste en un negro camino
como un peregrino sin rumbo
y sin fe
y la luz de tus ojos divinos
cambiaron mis penas
por dicha y placer
desde entonces yo siento quererte
con todas las fuerzas que el alma me da
desde entonces paloma querida
mi pecho ha cambiado por un palomar
yo no sé lo que valga mi vida
pero yo te la quiero entregar
yo no sé si tu amor la reciba
pero yo te la vengo a dejar

a
Cara colomba
de José Alfredo Jiménez
Per il giorno in cui arrivasti nella mia vita
Cara colomba brindai
E sentendomi un po’ ubriaco
Pensando alle tue labbra
mi venne da cantare
Mi sentii superiore a chiunque
E volli prenderti un pugno di stelle
Però vedendo che non arrivavo a nessuna
Mi venne tanta rabbia da piangere
Non so quello che vale la mia vita
Però io te la voglio donare
Non so se il tu amore la riceve
Però io te la vengo a lasciare
Mi hai incontrato in un sentiero oscuro
Come un pellegrino senza direzione
e senza fede
e la luce dei tuoi occhi divini
trasformarono le mie pene
in fortuna e piacere
da allora io sento di amarti
con tutte le forze che mi da l'anima
e da allora cara colomba
il mio petto è diventato un colombaio
Non so quello che vale la mia vita
Però io te la voglio donare
Non so se il tu amore la riceve
Però io te la vengo a lasciare
Torna su
a
Que seas feliz
de Consuelo Velázquez
Que seas feliz, feliz, feliz,
Es todo lo que pido
En nuestra despedida;
No pudo ser,
Después de haberte amado tanto,
Por todas esas cosas
Tan absurdas de la vida.
Siempre podrás contar conmigo,
No importa donde estés,
Al fin que ya lo ves,
Quedamos como amigos,
Y en vez de despedirnos
Con reproches y con llanto,
Yo que te quise tanto,
Quiero que seas feliz, feliz, feliz

a
Sii felice
di Consuelo Velázquez
Sii felice, felice, felice
E’ tutto quello che chiedo
Nella nostra separazione
Non ha potuto essere.
Dopo averti amato tanto
Per tutte queste cose
Tanto assurde della vita
Potrai sempre contare su di me
Non importa dove tu sia
Così, come vedi,
Restiamo amici
E invece di lasciarci
tra rimproveri e pianti
Io che io ho amato tanto
Voglio che tu sia felice, felice, felice
Torna su
a
Un mundo raro
de José Alfredo Jiménez
Cuando te hablen
de amor y de ilusiones
y te ofrezcan un sol y un cielo entero;
si te acuerdas de mí no me menciones
porque vas a sentir amor del bueno.
Y si quieren saber de tu pasado
es preciso decir una mentira,
dí que vienes de allá de un mundo raro,
que no sabes llorar,
que no entiendes de amor
y que nunca has amado.
Porque yo a donde voy,
hablaré de tu amor
como un sueño dorado
y olvidando el rencor
no diré que tu adiós
me volvio desgraciado.
Y si quieren saber de mi pasado,
es preciso decir otra mentira,
les diré que llegué
de un mundo raro,
que no sé del dolor,
que triunfé en el amor
y que nunca he llorado.
Porque yo a donde voy...

a
Un mondo strano
di José Alfredo Jiménez
Quando ti parleranno
d'amore e d'illusione
E ti offriranno
il sole ed il cielo intero
Se ti ricordi di te non ne parlare
Perché andrai a provare un amore vero
E se vogliono sapere del tuo passato
devi dire una bugia
Racconta che vieni da un mondo strano
Che non sai piangere,
che non sai dell’amore
E che non hai mai amato
Perché io ovunque andrò,
parlerò del tuo amore
Come un sogno dorato
E dimenticando il rancore
non racconterò che il tuo addio
Mi ha reso sfortunato
E se vogliono sapere del mio passato,
ci vorrà un'altra bugia
racconterò che sono arrivato
da un mondo strano
che non conosco il dolore,
che ho vinto in amore
e che non ho mai pianto
Perché io ovunque vado...
Torna su
a
Sabes una cosa
Sabes una cosa
tengo algo que decirte
y no se como explicar
lo que te quiero cantar
Sabes una cosa
no encuentro las palabras
ni verso, rima, prosa
quizas con una rosa te lo pueda decir
sabes una cosa
no se ni desde cuando llegaste
de repente mi corazon
lo empieza a notar
sabes una cosa
te quiero niña hermosa
y te entrego en esta rosa
la vida que me pueda quedar
Doy gracias al ciel
por haberte conocido
Por haberte conocido
doy gracias al cielo
y le cuento a las estrellas
lo bonito que senti
lo bonito que senti
cuando te conoci
Doy gracias al cielo
por haberte conocido
Por haberte conocido
doy gracias al cielo
y le cuento a las estrellas
lo bonito que senti
lo bonito que senti
cuando te conoci
(se repiten)
Sabes una cosa
te quiero y te venero
te adoro y te deseo
cariño ven y dejate amar
(coro)
Doy gracias al cielo
por haberte conocido
Por haberte conocido
doy gracias al cielo
y le cuento a las estrellas
lo bonito que senti
lo bonito que senti
cuando te conoci (bis)
Sabes una cosa
sabes una cosa, hey
a
Sai una cosa
Sai una cosa
ho qualcosa da dirti
e non so come spiegarti
quello che ti voglio cantare
sai una cosa
non trovo le parole
né verso, rima o prosa
forse te lo posso dire con una rosa
sai una cosa
non so eppure quando sei entrata
d'improvviso il mio cuore
incomincia a rendersene conto
sai una cosa
ti amo, piccola
e ti dono questa rosa
la vita che mi rimane
Ringrazio il cielo
per averti conosciuto
per averti consciuto
ringrazio il cielo
e racconto alle stelle
le belle sensazioni che ho provato
le belle sensazioni che ho provato
quando ti ho conosciuto
Ringrazio il cielo
per averti conosciuto
per averti consciuto
ringrazio il cielo
e racconto alle stelle
le belle sensazioni che ho provato
le belle sensazioni che ho provato
quando ti ho conosciuto
(ripete)
sai una cosa
ti amo e ti venero
ti adoro e ti voglio
tesoro, vieni e lasciati amare
(coro)
Ringrazio il cielo
per averti conosciuto
per averti consciuto
ringrazio il cielo
e racconto alle stelle
le belle sensazioni che ho provato
le belle sensazioni che ho provato
quando ti ho conosciuto (bis)
Sai una cosa
sai una cosa, ehi

Torna su
a

Por un amor
de G. Parra
Por un amor
me desvelo y vivo apasionado;
tengo un amor
que en mi vida dejó para siempre
amargo dolor.
Pobre de mí
esta vida mejor que se acabe
No es para mí...
Pobre de mí (coro: ay corazón)
pobre de mí (coro: no sufras más)
cuánto sufre mi pecho
que late tan solo por ti.
Por un amor
he llorado gotitas de sangre del corazón,
me has dejado con el alma herida
sin compasión...
Pobre de mí
esta vida mejor que se acabe
No es para mí...
Pobre de mí (coro: ay corazón)
pobre de mí (coro: no sufras más)
cuánto sufre mi pecho
que late tan solo por ti.
a
Per un amore
di G. Parra
Per un amore
non dormo e vivo appassionato
ho un amore
che nella mia vita ha lasciato per sempre
un dolore amaro
Povero me
è meglio che questa vita finisca
non è per me
Povero me (coro: oh, cuore)
povero me (coro: non soffire più)
quanto soffre il mio petto
che batte solo per te
Per un amore
ho pianto gocce di sangue del cuore
mi hai lasciato l'anima ferita
senza compassione
Povero me
è meglio che questa vita finisca
non è per me
Povero me (coro: oh, cuore)
povero me (coro: non soffire più)
quanto soffre il mio petto
che batte solo per te

Torna su
a

Mi ciudad
musica E. Salas- letra G. Trigo
Mi ciudad es chinampa*
en un lago escondido
es cenzontle** que busca
en donde hacer nido
rehilete que engaña la vista al girar
Baila al son del tequila
y de su valentía
es jinete que arriesga la vida
en un lienzo de fiesta y color
Mi ciudad es la cuna
de un niño dormido
es un bosque de espejos
que cuidan un castillo,
monumentos de gloria
que velan su andar
Es un sol con penacho***
y sarape**** veteado
que en las noches se viste de charro*****
y se pone a cantarle al amor
Por las tardes con la lluvia
se baña su piel morena
y al desatarse las trenzas
sus ojos tristes se cierran
Mi ciudad es la cuna
de un niño dormido
es un bosque de espejos
que cuidan un castillo
monumentos de gloria
que velan su andar
Baila al son del tequila
y de su valentía
es jinete que arriesga la vida
en un lienzo de fiesta y color
Es un sol con penacho y sarape veteado
que en las noches se viste de charro
y se pone a cantarle al amor
a
La mia città
musica di E. Salas, testo di G. Trigo
La mia città è un chinampa*
in un lago nascosto
è un cenzontle** che cerca
il luogo in cui fare il nido
girandola che inganna lo sguardo al girare
Balla al suono della tequila
e del suo coraggio
è un cavaliere che rischia la vita
in una quadro di festa e colore
La mia città è la culla
di un bambino addormentato
è un bosco di specchi
che difendono un castello
monumenti della gloria
che vegliano il suo cammino
E' un sole con le penne***
e il sarape****
che di notte indossa il charro*****
e canta all'amore
Nei pomeriggi di pioggia
bagna la sua pelle scura
e al disfarsi le trecce
i suoi occhi tristi si chiudono
La mia città è la culla
di un bambino addormentato
è un bosco di specchi
che difendono un castello
monumenti della gloria
che vegliano il suo cammino
Balla al suono della tequila
e del suo coraggio
è un cavaliere che rischia la vita
in una tela di festa e colore
E' un sole con le penne e il sarape
che di notte indossa il charro
e canta all'amore
* chinampa: piccole isole galleggianti costruite sul lago di Tenochtitlan, la Città del Messico azteca, che servivano per poter coltivare il terreno.
** cenzontle: uccello che vive nel NordAmerica
*** penacho: le penne che adornavano il capo dei sovrani aztechi
**** sarape: una specie di poncho, tipico del Messico
***** charro: tipico abito maschile messicano: caratteristico è il cappello dalle falde larghissime
Torna su | Home Page